Mangia la critica: cornici e digestione

Nel saggio Che cos’è la poesia la fervida mente di Derrida incarnava la poesia nella figura di un  Hérisson, un istrice dentata o un porcospino, pronti al caso a rizzare gli aculei per difesa. Più avanti nel testo egli paragonava la lettura e l’apprendimento ai processi digestivi, e scriveva:

Mange, bois, avale ma lettre, porte-la transporte-la en toi, come la loi d’une écriture devenue ton corps: l’ecriture en soi.

Derrida invita il lettore a mangiare e bere le sue parole, ad ingurgitale e farle proprie. L’enfasi che usa richiama un po’ l’eccitazione della fase orale del bambino in Freud, dove il mangiare diventa sinonimo di assimilazione e comprensione.

Come nella psicanalisi, nella vita in genere e nelle belle arti in particolare, ci si deve abituare a digerire le critiche.  Durante un workshop intitolato “Manage Critiques with Sensibility and Inclusion” (Gestire critiche con sensibilità e inclusione), parte del corso intensivo Tools for Teaching 2015 organizzato dall’ufficio Coop + Career (oggi Career and Professional Experience – CAPX ) di SAIC (School of the Art Institute of Chicago). [1] 

Una delle slides presentava un errore: qualcuno aveva scritto Mange (mangiare in francese) invece di Manage (dirigere, amministrare, gestire in inglese). Ricordo di aver pensato: “Quanta poesia!”

Che poi gestire vuol dire far gesti , è sinonimo di convogliare, portare a compimento… e quindi anche un po’ alla bocca.

Mai lapsus fu più azzeccato – Mangia la critica – momenti, parole che prima si masticano, si ingoiano e poi si digeriscono.

In quel momento mi è venuto naturale sostituire mange con digerire – Come digerire un commento fastidioso/una critica con sensibilità ed inclusione?  – No, perché non so voi, ma io il più delle volte mi arrabbio quasi subito.

Così mentre l’addetto correggeva mange con manage, io, sempre cercando di includere accettazione e rifiuto, benevolenza e ritrosia,  abbozzavo su di un foglio come un ipotetico pubblico potesse recepire il mio lavoro. In seguito quel disegno ha trovato un piccolo spazio nel progetto Canon 2015. [2]

La cornice è un objet visuel, come la descrive l’artista francese  Daniel Buren, l’oggetto con il quale l’osservatore smaltisce ‘tutto’ o almeno una parte di ciò che ha intorno, di te e/o del tuo lavoro .

 

Incorniciare, sopportare, tollerare, digerire, soffrire…

Una visione incorniciata o contestualizzata, in cornice, nel bene o nel male aiuta a fruire: digerisce e fa digerire.

Vedi su My Behance profile

 

[1] L’ufficio fornisce più di un servizio per gli studenti, in particolare aiuta gli studenti e i recentemente laureati a svilupparsi professionalmente mettendo a disposizione tutors, organizzando workshops, seminari, tirocini, ecc.

[2] “Mange Critique” in CANON 2015 A publication by graduate students in Visual and Critical Studies at the School of the Art Institute of Chicago design by Janelle Rebel for Joseph Grigely’s Research and Production 2015 course

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *