Fare casa nell’Arte e in Accademia…

essere ‘a posto’, a casa mia nel mondo

E. W. Said, Sempre nel posto sbagliato (2009:306)

C’è sempre uno scarto tra chi torna e chi resta. Seppur diversamente tornare o ritornare non è mai facile, ci si trova sospesi, tra luoghi, tra abitudini, tra un passato presente e un presente che è già passato. Fuori posto, come e anche più di prima. Per un periodo o per la vita.

È difficile spiegare, o per meglio dire sintetizzare, esperienze di vita, di viaggio, di lavoro e di ricerca. Gli strumenti più utili, anche se non sempre efficaci, sono le citazioni e le metafore. Prendere in prestito i titoli o le opere di artisti e di scrittori che stimiamo per reinterpretarle può essere utile.

Nel saggio autobiografico, Sempre nel posto sbagliato (Out of Place, 1999), Said propone di pensare l’identità come forma di resistenza – quasi a sottintendere che la vita sia il numero di esperienze a cui “Bisogna Resistere per essere se stessi” (307);  è anche da questa sua affermazione che ha preso forma la mia idea di abitare: del ‘fare casa’.

Ogni partenza inizia con una valigia, o uno scatolone. Per questo, ho iniziato a pensarvi non è tanto come  ad un contenitore o un oggetto, ma come un ad simbolo: la valigia come bagaglio o spostamento.

Allo stesso tempo lo spostamento può non essere un viaggio da fare, ma frutto di un viaggio che è già stato fatto. Lo spazio in valigia non è mai abbastanza… L’idea, di per sé è già profondamente legata ai concetti di cernita e perdita: in una parola selezione. Per questo metaforicamente parlando si può pensare alla valigia come ad una lente o una cornice: uno strumento per la visione.

Quindi tornando al fare casa… A casa ci si dovrebbe poter sentire liberi di fare, liberi di essere, di creare… È un legame sottile quello tra casa e libertà: sono libera quando mi sento a casa e sono a casa quando mi sento libera.

Nelle ultime righe di Sempre nel posto sbagliato Said condivide con il lettore la sua soluzione alla propria indeterminatezza:“Date le dissonanze della mia vita, ho imparato a preferire la diversità e lo spaesamento.” (308) Egli ammette di aver trovato, nel proprio disagio una “forma di libertà”. Perché quel che succede quando non ci si sente liberi neanche a casa propria e che si cerca rifugio altrove, o nel proprio lavoro, e  – nel caso degli artisti – nella propria arte. In un certo senso fare casa è costruirsi la propria libertà.

Fare casa nell’ Arte e in Accademia è ritagliarsi uno spazio – trovare luogo a se stessi – arredare il proprio studio, riflettersi nel proprio lavoro, nelle proprie opere, o specchiarsi in quelle altrui.

 

Alessia Petrolito

Riferimenti

E. W. Said, Sempre nel posto sbagliato. Autobiografia (Out of Place, 1999), Feltrinelli, 2009

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *