Mistificazione che uccide, forzatura che definisce.

Una mistificazione che uccide è una forzatura che definisce. Chi è? È mia mamma! (Sono sua figlia) (No, ti ha fatto da madre) Che cosa è una famiglia adottiva? Parafrasando letture, conversazioni e sedute di psicanalisi, la famiglia adottiva è una famiglia simbolica, un’alterazione di certezze che implica una ricostruzione di ruoli – padre madre…Continua la lettura di Mistificazione che uccide, forzatura che definisce.

Un “luogo sicuro dove ognuno può mettersi in gioco” – Sul teatro

La prima volta che ho scritto a Emmanuel Galli, attore classe ’93, è stato dopo aver letto le recensioni di “Hankook, Radici Spezzate”,  spettacolo scritto e interpretato da lui con tema l’adozione, e in mente avevo già una versione embrionale di questa intervista… Dopo due anni, alla fine dell’evento organizzato da Edizioni ETS e l’Associazione…Continua la lettura di Un “luogo sicuro dove ognuno può mettersi in gioco” – Sul teatro

…per una narrazione etica – Pledge to Ethical Storytelling

Nel riportare una storia ci si assume un impegno, farlo è di estrema importanza e occorre saperlo fare correttamente. Ethical Storytelling è un sito attraverso cui la comunità, costituita da organizzazioni senza scopo di lucro, attivisti, assistenti sociali, professionisti, ricercatori, film-maker, documentaristi, narratori e giornalisti, cerca e condivide nuovi standard e metodi di storytelling che…Continua la lettura di …per una narrazione etica – Pledge to Ethical Storytelling

Costellazioni possibili

16/12/18 – Domeniche in Festa: Atmo-Sfere Relazioni stellari, inscritte in cielo, immutabili, eterne. Genitori e figli… La forma è linguaggio. L’arte unisce, la mediazione aggrega. Domeniche in Festa, le attività domenicali proposte dal network ZonArte e sostenute dalla Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT, erano un modo allegro e alternativo per trascorrere il tempo insieme, in famiglia. Tenute…Continua la lettura di Costellazioni possibili

Tradurre esperienze di vita nell’arte, gli artisti Ottonella Mocellin e Nicola Pellegrini si raccontano

  Vivevano così tranquilli che, se si avvicinava un istante di gioia, i due si scambiavano un rapido sguardo, quasi ironico, e gli occhi di entrambi dicevano: non consumiamolo, non usiamolo in maniera ridicola. Come se fossero vissuti da sempre.   Clarice Lispector, Legami familiari (p.88)   Per tutte le cose, spesso, c’è un tempo…Continua la lettura di Tradurre esperienze di vita nell’arte, gli artisti Ottonella Mocellin e Nicola Pellegrini si raccontano