Sentirsi incompleti vs vedersi incompleti

In una parte del testo di apertura in  Pensieri sull’educazione artistica (1992) di Rudolf Arnheim la professoressa Lucia Pizzo Russo, in conversazione con Arnheim, tenta di trovare un punto di contatto fra il pensiero di Arnheim e quello di Gaetano Kanizsa (due importanti esponenti della psicologia della percezione). [1]  La discussione verteva sul binomio – vedere e…Continua la lettura di Sentirsi incompleti vs vedersi incompleti

Mangia la critica: cornici e digestione

Nel saggio Che cos’è la poesia la fervida mente di Derrida incarnava la poesia nella figura di un  Hérisson, un istrice dentata o un porcospino, pronti al caso a rizzare gli aculei per difesa. Più avanti nel testo egli paragonava la lettura e l’apprendimento ai processi digestivi, e scriveva: Mange, bois, avale ma lettre, porte-la transporte-la en…Continua la lettura di Mangia la critica: cornici e digestione

Adozione: visibilità e invisibilità

L’adozione è cambiata! Come sarà l’adozione del futuro? Questo era il tema della convegno organizzato dal CIAI e tenutosi il 14 Novembre 2016 a Milano. Al convegno intitolato “L’adozione che verrà” non ho partecipato, quindi, esattamente non so quali siano stati i temi trattati, ma il titolo della conferenza era perfetto per iniziare questa nota. Che cos’è…Continua la lettura di Adozione: visibilità e invisibilità

Sentisse come na barca ‘nt in bòsch

Pei na barca ‘nt in bòsch (Ascolta la clip audio) Come una barca nel bosco, sentirsi un po’ fuori posto, avulsi… Una barca nel bosco, di Paola Mastrocola, ispirato al detto piemontese “Sentissi come na barca ‘nt in bòsch”. Il libro racconta la storia di Gaspare Torrente, metà siciliano e metà piemontese, trapiantato a Torino per…Continua la lettura di Sentisse come na barca ‘nt in bòsch