Mistificazione che uccide, forzatura che definisce.

Una mistificazione che uccide è una forzatura che definisce. Chi è? È mia mamma! (Sono sua figlia) (No, ti ha fatto da madre) Che cosa è una famiglia adottiva? Parafrasando letture, conversazioni e sedute di psicanalisi, la famiglia adottiva è una famiglia simbolica, un’alterazione di certezze che implica una ricostruzione di ruoli – padre madre…Continua la lettura di Mistificazione che uccide, forzatura che definisce.

Dating

Nella mia famiglia non si assomiglia nessuno, anche se due volte all’anno le nostre carnagioni si avvicinano, si sfiorano! La somiglianza in famiglia si dà quasi sempre per scontata. Ai primi incontri, le prime uscite, non è un discorso che intavolo volentieri, poi nell’incontrare qualcuno che meriti, che sembri giusto, comprensivo, paziente, in grado di…Continua la lettura di Dating

Impapocchiarsi davanti a Brodzinsky e altre successive considerazioni

Best lecture ever! La lezione più bella che abbia mai sentito!!! E’ stato detto tutto quello che un adottivo si vorrebbe sentire dire, e messo al centro l’incubo più comune per le famiglie, cioè che esistono pochissimi, e sottolineo pochissimi, professionisti nel campo dell’adozione competenti, e che gli anni di servizio non sempre giocano a…Continua la lettura di Impapocchiarsi davanti a Brodzinsky e altre successive considerazioni

Arte e Adozione oltre la terapia

Dopo un tempo infinito – il tempismo non è il mio forte – sono finalmente riuscita a mettere insieme una riflessione sull’incontro organizzato dal Centro Ado.T Sabato 11 marzo a Milano. Questo anche in previsione di un altro evento intitolato “AdottArti, arte terapia in sostegno al percorso adottivo” e offerto dall’associazione Art Therapy Italiana che si…Continua la lettura di Arte e Adozione oltre la terapia

Papà ed io non possiamo sederci o camminare insieme

Un’estate al mare, avevo all’incirca 13 anni, passeggiavo mano nella mano con mio padre vicino ad un’area bimbi. C’erano un paio di signore di mezz’età sprofondate nelle sedie di plastica, non feci caso al loro sguardo, ma doveva essere torvo e rivolto verso di noi perché udii mio padre gridar loro: “Guardi che è mia…Continua la lettura di Papà ed io non possiamo sederci o camminare insieme

Sentirsi incompleti vs vedersi incompleti

In una parte del testo di apertura in  Pensieri sull’educazione artistica (1992) di Rudolf Arnheim la professoressa Lucia Pizzo Russo, in conversazione con Arnheim, tenta di trovare un punto di contatto fra il pensiero di Arnheim e quello di Gaetano Kanizsa (due importanti esponenti della psicologia della percezione). [1]  La discussione verteva sul binomio – vedere e…Continua la lettura di Sentirsi incompleti vs vedersi incompleti