Mangia la critica: cornici e digestione

Nel saggio Che cos’è la poesia la fervida mente di Derrida incarnava la poesia nella figura di un  Hérisson, un istrice dentata o un porcospino, pronti al caso a rizzare gli aculei per difesa. Più avanti nel testo egli paragonava la lettura e l’apprendimento ai processi digestivi, e scriveva: Mange, bois, avale ma lettre, porte-la transporte-la en…Continua la lettura di Mangia la critica: cornici e digestione